Saggistica

Censura 2009. Le 25 notizie più censurate

Censura 2009. Le 25 notizie più censurate

€ 3,99 € 19,50 80%

Codice: 658721903120318

Editore: Edizioni Nuovi Mondi

Categoria: Società - Politica - Comunicazione

Ean13: 9788889091647

A cura di Censored Project. San Lazzaro di Savena, 2009; br., pp. 380, cm 17x21.

AGGIUNGI AL CARRELLO

4 prodotti disponibili

  • Autori: Phillips Peter
  • Soggetti: 1960- Contemporaneo
  • Anno: 2009
  • Dimensioni: 17.0x21.0 cm
  • Spessore: 24 cm
  • Peso: 1 Kg

Come ogni anno, Nuovi Mondi si occupa di informazione e giornalismo. Lo fa con "Censura 2009. Le 25 notizie più censurate", l'annuario curato da Peter Phillips e Project Censored sulle notizie che avrebbero dovuto occupare le prime pagine dei giornali del mondo e che invece sono state del tutto ignorate. Eccone alcune: - ancora oggi nel mondo esistono 27 milioni di schiavi. Globalizzazione, povertà, violenza e avidità facilitano la crescita di nuove forme di schiavitù, non solo nel Terzo Mondo ma anche nei paesi sviluppati. Dietro la facciata di una qualsiasi capitale o città del mondo, esiste un fiorente commercio di esseri umani; un commercio che tiene testa a quello di droga o di armi. Finora le Nazioni Unite, i cui principi fondanti richiamano alla lotta alla schiavitù in ogni sua forma, hanno fatto ben poco per combattere tali forme di schiavitù moderna. - la dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo dalla Serbia non porterà né indipendenza né qualsiasi forma di auto governo. L'Unione Europea ha inviato nella regione 1.800 figure tra giudizi, poliziotti per contribuire alla nascita delle istituzioni del nuovo Kosovo. Al contempo la KFOR, la forza NATO di stanza nella regione, dispone di 16.000 soldati con completa sovranità sulla regione. L'unica grande costruzione finora realizzata è stata Camp Bondsteel, la più grande base militare americana d'Europa. Se questo processo non subirà cambiamenti le nuove strutture coloniali in Kosovo garantiranno agli Usa un assolutà sovranità simile a quella detenuta da Paul Bremer nei primi due anni dell'occupazione irachena. - gli Stati Uniti e Israele stanno impedendo alla Palestina di sfruttare un giacimento di gas che si trova a due miglia dalla costa e il cui valore è stimato attorno ai 2 miliardi di sterline. Il Palestinian InvestmenteFund stava negoziando per la vendita del gas all'Egitto ma ha dovuto riconsiderare Israele come acquirente dopo aver ricevuto delle pressioni dall'allora primo ministro inglese Toby Blair. Tuttavia dopo la vittoria elettorale di Hamas, tale processo ha subito un notevole rallentamento. Nel gennaio 2008 la British Gas ha annunciato che stavo lavorando per la ripresa dei negoziati con Israele ma che stava ancora considerando l'Egitto come un possible compratore. A partire da quell'annuncio, Israele ha adicalmente aumentato le sue sanzioni, tagliato interamente i rifornimenti di petrolio e aumentato la sua campagna militare nella regione palestinese. Inoltre, in aggiunta alle informazioni la cui conoscenza cambierebbe la percezione degli eventi e le idee della gente, Project Censored passa in rassegna anche le notizie frivole che hanno occupato i media di tutto il mondo sottraendo tempo e spazio alle VERE notizie. Qualche esempio? - L'eterna saga di Brintey Spears. - Paris Hilton va in prigione - La figlia di Anna Nicole Smith e la sua eredità - I gemelli di Brad Pitt e Angelina Jolie - Alec Baldwin insulta sua figlia. E poi ancora il fondamentale Index on Censorship sullo stato della libertà di informazione e della censura nel mondo. Per trent'anni Project Censored ha raccolto notizie importanti che i principali gruppi mediatici hanno ampiamente ignorato, dando spazio anche alle più piccole e frammentarie informazioni. Anche quest'anno, Censura ci ricorda che la missione imprescindibile di un giornalista in un paese democratico non cambia e non deve cambiare: il controllo delle istituzioni al potere. Tuttavia, "l'informazione come cane da guardia del potere" appare sempre più spesso, purtroppo, un precetto astratto. Secondo l'analisi di Project Censored, gli elementi che concorrono a limitare la missione dei giornalisti sono varie, tra cui: forzature ideologiche, la struttura degli organi d'informazione, il potere degli inserzionisti e la cosiddetta pratica del giornalismo "obiettivo" che, paradossalmente, intralcia i media proprio nella ricerca delle verità fondamentali. Project Censored è un autorevole gruppo statunitense di ricerca sui media che si propone di promuovere il ruolo "del giornalismo indipendente in una società democratica". Nasce nel 1976 da un'idea di Carl Jensen, docente di Scienze della Comunicazione presso la Sonoma State University, California, e dal 1996 è guidato da Peter Phillips, docente di Sociologia e da molto tempo attivo in organizzazioni no profit.

Attendi...