Il futuro della civiltà europea

Il futuro della civiltà europea

€ 3,00 € 7,00 58%
€ 4,00

Codice: 849072555199171

Editore: Castelvecchi

Categoria: Filosofia

Ean13: 9788876158049

Traduzione di Bresolin A. Roma, 2012; br., pp. 57, cm 11x18. (Etcetera).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Disponibile

  • Autori: Camus Albert
  • Soggetti: 1960- Contemporaneo
  • Anno: 2012
  • Dimensioni: 11x18 cm
  • Spessore: 5 cm

A dieci anni dal termine del secondo conflitto mondiale, quando le polveri, dopo aver offuscato i cieli, si erano finalmente sedimentate formando uno spesso strato sotto al quale un'intera civiltà cercava di ritrovare trame e orizzonti, gli intellettuali furono chiamati a suggerire cosa di quella civiltà, di quell'Europa minacciata da forze d'ordine economico e politico, era destinato a prosperare, e cosa a perire. Nella discussione intervenne anche Albert Camus, all'incontro organizzato il 28 aprile del 1955 dall'Union Culturelle Gréco-Francaise ad Atene, dal titolo "Il futuro della civiltà europea". Lo sforzo per l'unità, dirà Camus, è un passaggio obbligato, l'unità europea in nome di un pluralismo, di un federalismo ideale e de facto: "La "sovranità" per molto tempo ha messo bastoni a tutte le ruote della storia internazionale. Continuerà a farlo. Le ferite della guerra così recente sono ancora troppo aperte, troppo dolorose perché si possa sperare che le collettività nazionali facciano quello sforzo di cui solo gli individui superiori sono capaci, che consiste nel dominare i propri risentimenti [...]. Bisogna lottare per riuscire a superare gli ostacoli e fare l'Europa, l'Europa finalmente, dove Parigi, Atene, Roma, Berlino saranno i centri nervosi di un impero di mezzo, oserei dire, che in un certo qual modo potrà svolgere il suo ruolo nella storia di domani".

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...