Arte e architettura

Maremma globale. Un progetto territoriale di sviluppo locale

Maremma globale. Un progetto territoriale di sviluppo locale

€ 10,81 € 12,00 9%
€ 2,90

Codice: 911782292821765

Editore: EDIFIR Edizioni Firenze s.r.l.

Categoria: Urbanistica e Paesaggio

Ean13: 9788879705110

Firenze, 2011; br., pp. 119, cm 15x21. (Varia).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

2 prodotti disponibili

  • Autori: Valentini Alberto
  • Soggetti: Arte del Legno (Cornice, Intaglio, Mobili..), Urbanistica e Viabilità
  • Anno: 2011
  • Dimensioni: 15x21 cm
  • Spessore: 9 cm

Maremma Globale è un "Progetto territoriale di sviluppo locale". La Maremma identifica un territorio prevalentemente toscano che associa, a sud, una parte dell'alto Lazio. Si tratta di una realtà con una propria identità culturale, sociale, economica ed anche storica. La Maremma potrebbe essere un nuovo "Chiantishire", ma attualmente non ha ancora trovato la volontà e modalità di coagularsi attorno ad un'idea comune di sviluppo, condivisa da popolazione, associazioni e istituzioni, capace di esprimere valori e attrarre ulteriore interesse e investimenti a livello nazionale e internazionale. L'ipotesi che si presenta prosegue una riflessione sulle modalità più adatte per promuovere uno sviluppo territoriale dal basso che, soprattutto in momenti di crisi, dovrebbe suggerire, in particolare alle pubbliche Istituzioni, di ripartire dalle ricchezze e potenzialità dei territori per generare buona occupazione e beni relazionali. In tale prospettiva il libro rappresenta un esempio di come si potrebbe realizzare, per metodo e contenuti, un progetto territoriale di sviluppo locale a partire da tre fattori fondamentali: la centralità dell'identità di appartenenza al territorio sentita dalla popolazione; la valutazione proiettiva della domanda espressa dalle persone e dalle comunità, italiane e straniere, che guardano con interesse la Maremma; la "vision" a medio-lungo termine, capace di indicare la direzione di marcia dello sviluppo compatibile del territorio considerato. Prefazione di Giuseppe De Rita.

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...