Arte e architettura

Giornali e riviste a Firenze 1943-1946

Giornali e riviste a Firenze 1943-1946

€ 20,64 € 23,00 10%
Spedizione gratuita

Codice: 890662049879225

Editore: Polistampa

Categoria: Arte Libraria - Epistolari

Ean13: 9788859608516

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, 16 novembre - 31 dicembre 2010. A cura di Contorbia F. Firenze, 2010; br., pp. 256, ill. b/n, cm 17x24.

AGGIUNGI AL CARRELLO

2 prodotti disponibili

  • Soggetti: Archivistica, Bibliografia, Editoria, Collezioni, Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro)
  • Anno: 2010
  • Dimensioni: 17x24 cm
  • Spessore: 17 cm
  • Peso: 1 Kg

Il catalogo della mostra allestita presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze dal 16 novembre al 31 dicembre 2010 presenta giornali e riviste lì conservati. Si tratta di materiale raramente esposto e di grandissimo interesse per gli storici e per le scuole, che può attrarre per il suo valore storico anche l'interesse del grande pubblico. Le quasi duecento immagini riprodotte restituiscono la sfaccettata fisionomia della stampa fiorentina nel cruciale triennio compreso tra la caduta del fascismo e l'avvento della Repubblica fissando la fenomenologia di una stagione memorabile della storia di Firenze. Il periodo scelto è di particolare importanza per la storia della città: nascono testate come "Oggi e domani", foglio del Partito d'Azione, "Socialismo", cui lavorò il futuro sindaco di Firenze Gaetano Pieraccini e "La Nazione del popolo", organo del Comitato Toscano di Liberazione Nazionale. Quest'ultima, il cui primo numero esce l'11 agosto 1944, giorno della liberazione di Firenze, sarà diretta da personalità come Vittore Branca per la Democrazia Cristiana e Carlo Levi per il Partito d'Azione, insieme agli esponenti del partito liberale, socialista e comunista. Nelle pagine dei giornali e delle riviste pubblicate prima e dopo la liberazione del capoluogo rivivono le fasi tragiche ed esaltanti della vita di una città segnata indelebilmente dai lutti e dagli orrori della guerra e tuttavia proiettata in un futuro assai più luminoso che figure come Montale, Gadda, Saba o Calamandrei contribuiscono a prefigurare.

Attendi...