Arte e architettura

Otranto 1480. Il sultano, la strage, la conquista

Otranto 1480. Il sultano, la strage, la conquista

€ 13,00

Codice: 734893385130224

Editore: Gius. Laterza & Figli

Categoria: Archeologia

Ean13: 9788858131480

Bari, 2018; br., pp. 314. (Economica Laterza. 843).

AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo uno disponibile

  • Autori: Bianchi Vito
  • Soggetti: Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Saggi e Studi sull'antichità, Saggi Storici
  • Anno: 2018
  • Dimensioni: 17x24 cm
  • Spessore: 21 cm
  • Peso: 2 Kg

Nel 1480 l'impero ottomano era in prepotente espansione verso l'Europa e il Mediterraneo. Sulla sua traiettoria, l'Italia lacerata da congiure e lotte intestine fra le più splendide signorie rinascimentali. In questa storia c'è il sogno di un sultano affascinato dai fasti dell'antichità, che intende riunificare l'impero romano. Ci sono gli interessi della Repubblica di Venezia. Lorenzo il Magnifico, appena scampato alla congiura dei Pazzi. Un ex gran visir caduto in disgrazia. Le mire di dominio sulla Penisola del re di Napoli. Un pontefice che, mentre pensa alla decorazione della Cappella Sistina, briga per favorire i propri nipoti. Condottieri al servizio del miglior offerente, il coraggio dei Cavalieri di Rodi. Un grandioso mosaico che profetizza l'avvento del Male. Alla fine della guerra di Otranto non ci saranno vincitori, se non la peste. Si cercherà di recuperare gloria almeno dai resti delle vittime, facendone dei 'martiri della cristianità', contro ogni evidenza e testimonianza. Su tutto, l'indifferenza del potere nei confronti degli umili, degli ultimi, degli inermi, costretti a pagare il prezzo delle altrui ambizioni.

Attendi...