Arte e architettura

Raccolte Italiane di Monete Puniche

Raccolte Italiane di Monete Puniche

€ 205,00 € 230,00 11%
€ 4,00

Codice: 654961749938607

Editore: Fabrizio Serra Editore

Categoria: Numismatica - Collezionismo

Ean13: 9788862270106

A cura di L. -I. Manfredi. Pisa, 2008; br., pp. 136, ill. b/n, cm 20x28. (Supplementi «rivista di Studi Fenici». 33).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo un prodotto disponibile

  • Soggetti: Numismatica e Medaglistica, Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro)
  • Anno: 2008
  • Dimensioni: 20x28 cm
  • Spessore: 10 cm
  • Peso: 1 Kg

Le cinque collezioni edite in questo volume, a cura di Lorenza-Ilia Manfredi, presentano caratteristiche tra loro diverse per formazione, provenienza e tipologia di materiale numismatico conservato. Tale diversità fa di questa opera una preziosa raccolta di dati che arricchisce il patrimonio già edito e permette di fare il punto su alcune importanti problematiche relative alla numismatica punica. Delle ventitré monete puniche conservate nel Museo Archeologico di Chieti, venti provengono da un ripostiglio ritrovato nel territorio di Teramo, tre, rinvenute nella zona durante scavi ottocenteschi, dall'Antiquarium di Corfinio: il dato rilevante del materiale abruzzese è, come ben evidenziato da B. Cerasetti, la provenienza locale delle monete. Le collezioni private di Salvatore Camedda di Cabras e di Giuseppe Lulliri di Pula sono formate da monete di provenienza sarda e, come tali, vanno ad arricchire il già cospicuo panorama numismatico dell'isola. Più articolata risulta infine la collezione romana di Mauro Viola, arricchita da esemplari a volte rari, sempre di buona conservazione, ma soprattutto significativi dal punto di vista iconografico e storico. Da qui, ad esempio, l'attenzione alle monete riconiate e con errori di conio, tredici pezzi, a fronte di dodici monete complessivamente presenti nelle altre quattro collezioni, e che vanno ad aggiungersi agli otto esemplari della Collezione Viola già pubblicati. L'importante documentazione di monete riconiate e con errori di conio attestata nel complesso delle cinque collezioni consente inoltre di avviare il lavoro di aggiornamento al volume del 1990, pubblicato in questa stessa collana e dedicato al fenomeno del riutilizzo di monete attraverso la sovrimpressione di tipi diversi ed ai molteplici errori di coniazione documentati nella monetazione punica.

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...