Arte e architettura

Michelangelo Scultore

Michelangelo Scultore

€ 28,00
€ 4,00

Codice: 476941995626114

Editore: 24 Ore Cultura

Categoria: Cataloghi e monografie

Ean13: 9788871795997

Prima edizione 2005. Fotografie di Aurelio Amendola. Milano, 2010; br., pp. 320, 210 ill. b/n e col., cm 17,5x20,5. (Le gemme).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo un prodotto disponibile

  • Autori: Acidini Luchinat Cristina Amendola Aurelio
  • Soggetti: Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Saggi (Arte o Architettura), Scultura, Scultura e Arti Decorative - Monografie
  • Anno: 2010
  • Dimensioni: 17,5x20,5 cm
  • Spessore: 21 cm
  • Peso: 1 Kg

Tra gli artisti di tutti i tempi Michelangelo Buonarroti fu tra i più eccelsi e forse, è oggi in assoluto il più noto nel mondo per i capolavori che ha lasciato in architettura, pittura e scultura. Michelangelo, come artista e come uomo, ha ispirato innumerevoli studi e ricerche in ambito internazionale che formano una bibliografia immensa. Tuttavia attualmente non esiste nel panorama editoriale internazionale un volume che, riferendosi ai più recenti studi michelangioleschi, abbracci e illustri l'intera produzione del Buonarroti nella scultura. Il libro è composto da una prima parte di saggi critici, illustrati e accompagnati dalle immagini di Aurelio Amendola, e da una seconda che raccoglie le schede delle opere e dei complessi di statuaria realizzati dal Buonarroti. Per quanto concerne i saggi storico-critici, i capitoli iniziali sono dedicati ai primi trent'anni dell'artista. I capitoli successivi si concentrano sui grandi incarichi eseguiti per conto dei Medici, e per conto di Giulio II, che nel 1505 chiama il Buonarroti a Roma. L'ultimo capitolo chiude l'analisi incentrandosi sui trent'anni finali della produzione del Buonarroti, dal 1534 alla morte nel 1564. Le fotografie di Amendola, stampate in bicromia, con più scatti per ogni singola opera, ripresa da varie angolature, completano la trattazione. A corredo del volume le schede delle singole sculture e dei complessi di statuaria. Per ogni opera fotografata una scheda ne illustra i dati tecnici, le notizie sulla committenza e sulla storia, notizie di iconografia e, infine, una discussione dei disegni e/o bozzetti principali di riferimento. Aurelio Amendola nasce e vive a Pistoia. Nel corso della sua lunga carriera di fotografo ha svolto un'attività in gran parte dedicata al mondo delle arti figurative, documentando l'opera di Jacopo della Quercia, Michelangelo, Donatello, Giovanni Pisano. Anche l'arte contemporanea rappresenta un elemento di grande interesse, tanto che negli anni è arrivato a raccogliere una vera e propria galleria di ritratti - di De Chirico, Lichtenstein, Pomodoro, Schifano, Tapies, Warhol - per ricordarne solo alcuni. All'opera fotografica di Amendola si devono inoltre numerose monografie dedicate ai maggiori artisti contemporanei tra cui quelle su Marino Marini, Burri, Manzù, Fabbri, Ceroli, Vangi, Kounellis. Nel 2007 è stato il primo artista a esporre le sue fotografie al Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo. Cristina Acidini Luchinat vive e lavora a Firenze, dove è nata e dove si è laureata in storia dell'arte sulla pittura decorativa nella Toscana del Cinquecento. Dal 1981 storica dell'arte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è stata poi soprintendente vicario per i Beni Artistici e Storici di Firenze. Ha coordinato importanti restauri, attività di tutela sul territorio, mostre in Italia e all'estero. Presso la Federico Motta Editore ha pubblicato Giardini medicei, volume che ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali.

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...