Arte e architettura

Mythologica Et Erotica. Arte e Cultura dall'Antichità al XVIII Secolo

Mythologica Et Erotica. Arte e Cultura dall'Antichità al XVIII Secolo

€ 10,00 € 35,00 72%

Codice: 13463750918383

Editore: Sillabe

Categoria: Altre Arti - Artigianato

Ean13: 9788883472879

Firenze, Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, 2 ottobre 2005 - 15 maggio 2006. A cura di Ornella Casazza e Riccardo Gennaioli. Livorno, 2005; br., pp. 352, ill. col., tavv. col. num. n.t., cm 24x27. (Firenze Musei).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Disponibile

  • Soggetti: Libro Monografico, Numismatica e Medaglistica, Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Pittura, Scultura, Scultura e Arti Decorative - Monografie, Tessuti (Arazzi, Tappeti, Ricami)
  • Anno: 2005
  • Dimensioni: 24.0x27.0 cm
  • Spessore: 28 cm
  • Peso: 2 Kg

II volume ha l'intento di valorizzare la prestigiosa raccolta di cammei e intagli medicei custoditi tra le collezioni del Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, raffiguranti temi che si riferiscono ai miti più diffusi fin dall'antichità (il Ratto di Proserpina, Leda e il Cigno, il mito d'Europa ... ). Rifacendosi alla produzione di cammei e intagli dell'antichità, le gemme moderne privilegiano la mitologia greca e romana, la cui rappresentazione fu, a partire dal Rinascimento, al centro degli interessi di quel colto pubblico di facoltosi collezionisti ai quali erano destinati i raffinati e costosissimi esemplari di questa difficile arte. 1 miti più fantastici e misteriosi divennero parte di un codice culturalmente e stilisticamente elevato, ideale per la formulazione d'immagini volutamente sfuggenti e ambigue, a volte sessualmente esplicite. La fantasia erotica cinquecentesca trovò, infatti, nelle avventure di dei ed eroine un repertorio già pronto di temi e di forme, in cui al significato dichiarato spesso si affianca, o si sovrappone, un complesso di simboli che ne permettono una diversa e più sottile lettura. 11 volume indaga questo aspetto, presentando al pubblico un selezionato gruppo di opere (provenienti dai maggiori musei italiani ed esteri) di notevole qualità tecnica e stilistica (sono presenti artisti quali: Alessandro e Cristofano Allori, Paolo Veronese, Giambattista Tiepolo, Giorgio Vasari, il Tintoretto, Annibale Carracci) raffiguranti episodi mitologici carichi di una forte componente maliziosa e amorosa, ma anche edificante e dimostrativa. Attraverso il confronto con dipinti, pitture murali, sculture, stampe, avori, porcellane e gioielli appartenenti a un ampio arco cronologico, il catalogo cerca di documentare ai lettori i mutamenti iconografici dei temi e la trasformazione del loro significato. Target Il vasto pubblico dei turisti in visita a Fìrenze; il vasto pubblico degli appassionati di arte antica e moderna; i moltissimi appassionati di soggetti mitologici.

Attendi...