Arte e architettura

La Battaglia di Qadesh. Ramesse II Contro gli Ittiti per la Conquista delle Siria

La Battaglia di Qadesh. Ramesse II Contro gli Ittiti per la Conquista delle Siria

€ 23,42 € 30,00 22%
Spedizione gratuita

Codice: 82629115543136

Editore: Sillabe

Categoria: Archeologia

Ean13: 9788883471346

Firenze, Museo Archeologico Nazionale, 1 giugno - 30 giugno 2002. A cura di Cristina Guidotti e Franca Pecchioli Daddi. Livorno, 2002; br., pp. 224, 128 ill. col., ill. b/n, cm 21x30. (Cataloghi. Firenze Musei).

Non disponibile

  • Soggetti: Architettura e Arte Militare, Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Saggi e Studi sull'antichità, Saggi Storici
  • Anno: 2002
  • Dimensioni: 21x30 cm
  • Spessore: 15 cm
  • Peso: 1 Kg

Nel 1270 a.C. circa l'esercito egizio guidato dal proprio faraone Ramesse II si mise in marcia contro il re ittita Muwatalli II. La disputa per questioni territoriali si risolse in una battaglia combattuta sotto le mura della cittadella siriana di Qadesh e, a dispetto di un esito militare alquanto incerto, le conseguenze politiche di questo scontro furono importanti, tanto da fare di quella battaglia una delle più famose della storia. E se Muwatalli riuscì a spuntarla sul campo giacché, in quanto difensore, aveva due esiti favorevoli, fu Ramesse colui che ne trasse il maggior profitto personale, promuovendo, grazie ad un monumentale ciclo d'opere architettoniche e decorative, un vero e proprio culto della sua persona e del suo coraggio in guerra. Questo corposo volume, catalogo della mostra che si terrà al Museo Archeologico Nazionale di Firenze, esamina e ricostruisce grazie ad un ricchissimo corpus di saggi, non soltanto le fasi di quella battaglia, del suo svolgersi tattico e strategico, ma anche e soprattutto le entrambe società: Ittiti ed Egizi sono studiati nella loro cultura, nelle loro credenze religiose, negli armamenti, nell'arte e nell'architettura. Grazie alla lettura dei documentatissimi archivi ittiti ed ai cicli figurativi egizi è stato possibile ricostruire la corrispondenza intercorsa tra i due sovrani all'indomani della guerra, per stabilire i termini di una pace che soddisfacesse entrambi. Oltre a ciò un ricco corredo di planimetrie e rilievi rendono semplici e comprensibili i grandiosi monumenti della valle del Nilo e dell'altopiano dell'Anatolia. In mostra vi sarà uno stupendo carro da battaglia egizio, armi, steli, sculture, oggetti d'uso quotidiano, tutti corredati in catalogo da chiare ed esplicite schede ed inoltre un antichissimo profilo del re ittita Muwatalli che per la prima volta lascia il Museo Archeologico di Berlino.

Attendi...