Arte e architettura

Il rompiscatole. L'Italia raccontata da un ragazzo del '35

Il rompiscatole. L'Italia raccontata da un ragazzo del '35

€ 4,05 € 20,00 80%

Codice: 995703135615546

Editore: Rizzoli

Categoria: Biografie

Ean13: 9788817087025

Milano, 2016; ril., pp. 392, cm 15x23.

AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo uno disponibile

  • Autori: Pansa Giampaolo
  • Soggetti: Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Periodici
  • Anno: 2016
  • Dimensioni: 15x23 cm
  • Spessore: 26 cm
  • Peso: 1 Kg

"'Tutto ciò che resterà della mia vita è quello che ho scritto.' Qualcuno l'ha detto pensando a se stesso, però sono parole che si adattano anche a me. Ho sempre voluto scrivere. Alla fine della scuola media, andavo per i tredici anni, mio padre Ernesto mi regalò una macchina Underwood di seconda mano, dicendo: 'Vedi un po'se la sai usare'. Mia madre Giovanna mi mandò a una scuola di dattilografia. Ma dopo un paio di lezioni, chi la dirigeva le spiegò: 'Giampaolo ha imparato subito quanto gli serve. Non butti via i suoi soldi'. Ho cominciato a scrivere nell'estate del 1948 e da allora non ho più smesso. Nell'ottobre 2015 di anni ne ho compiuti ottanta. E ho deciso che potevo permettermi questo libro. Non oso definirlo un'autobiografia, parola pomposa. Allora dirò che è il racconto personale di un vecchio ragazzo destinato a fare il giornalista. Non venivo da una famiglia di intellettuali. Mio padre era operaio del telegrafo. Mia madre aveva cominciato a lavorare a dieci anni ed era stata così brava da aprire un negozio di mode. La mia nonna paterna, Caterina, era analfabeta. Rimasta vedova con sei bambini da crescere, aveva vissuto nella miseria più nera. Troverete qui le loro storie, insieme a quelle di mio nonno Giovanni Eusebio, un bracciante strapelato, e di uno zio paterno, Paolo, un muratore morto a New York in un cantiere. I miei antenati sono questi. E se esiste un aldilà, guarderanno stupiti questo figlio che si è guadagnato il pane scrivendo.'" (G. P.)

Attendi...