Arte e architettura

Lonely Living. L'architettura dello spazio primario. The Architecture of Primary Space

Lonely Living. L'architettura dello spazio primario. The Architecture of Primary Space

€ 21,39 € 49,00 57%
Free

Codice: 98953121069492

Editore: 24 Ore Cultura

Categoria: Architettura

Ean13: 9788871793627

Venezia, Giardini di Castello, 8 settembre - 3 novembre 2002. A cura di Massimiliano Falsitta. Fotografie di Luca Campigotto. Saggi di Giovanni Leoni e Sebastiano Brandolini. Testo Italiano e Inglese. Milano, 2002; cartonato, pp. 240, 144 ill. col., 173 ill. b/n, cm 25,5x28,5. (Architettura).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

5 prodotti disponibili

  • Soggetti: Arte del Legno (Cornice, Intaglio, Mobili..), Saggi (Arte o Architettura), Urbanistica e Viabilità
  • Anno: 2002
  • Dimensioni: 25,5x28,5 cm
  • Spessore: 16 cm
  • Peso: 2 Kg

"Lonely living" ovvero vivere da soli, e' il titolo dell'istallazione collettiva che venti architetti della nuova architettura italiana hanno progettato e che e' stata inserita all'interno dei giardini della Biennale di Venezia in occasione della nuova rassegna di architettura inaugurata il 6 settembre 2002. L'istallazione consiste in venti piccoli edifici, tutti in legno, raccolti su una piattaforma di 36 x 42 metri. Una piccola citta', che vuole rappresentare la condizione del vivere metropolitano contemporaneo, rispecchiandone le problematiche, le forme di disagio e di solitudine. Ad ogni architetto e' stato chiesto di ispirarsi a persone concrete e a problemi reali e di spiegare le proprie scelte in una relazione di progetto. "Alle differenti condizioni di vita, alla loro coesistenza, all'ineludibilita' "dello spazio vitale minimo" viene dedicato il progetto nel suo insieme. Uno spazio che fa riflettere sui bisogni primari delle categorie piu' deboli (homeless, portatori di handicap, membri di etnie o confessioni minoritarie, bambini, anziani....) e sui bisogni dettati dai nuovi modi di vivere citta' e terrritori che ridefiniscono in continuazione il concetto di comunita'" (estratto dal comunicato stampa). Si tratta di un avvenimento molto importante che introduce nell'edizione 2002 della Biennale temi di interesse sociale, e comporta la costruzione di un nuovo padiglione, in aggiunta a quelli storici dei giardini di castello, che certamente attirera' molto i visitatori con le sue spettacolari architetture in scala reale, accessibili e praticabili, al contrario di quanto avviene nel resto della mostra, composta quasi esclusivamente da progetti non realizzati (esposti in forma di disegni e plastici). Il libro che illustra quest'evento contiene oltre ai saggi di Giovanni Leoni e di Sebastiano Brandolini, due dei componenti il comitato scientifico che ha selezionato i venti progetti, tutte le schede delle architetture, comprendenti le relazioni dei progettisti i, disegni tecnici, i rendering e le fotografie dei modelli e sar?oncluso da un'ampia sezione fotografica d'autore che riportera' le varie fasi della preparazione dell'allestimento, documentando l'interazione tra i montatori e i progettisti negli ultimi giorni prima dell'apertura, una sorta di back-stage della manifestazione.

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...