Arte e architettura

Roma Capta. Il Sacco della Città dai Galli ai Lanzichenecchi

Roma Capta. Il Sacco della Città dai Galli ai Lanzichenecchi

€ 17,00 € 20,00 15%
Spedizione gratuita

Codice: 976662534994542

Editore: Gius. Laterza & Figli

Categoria: Archeologia

Ean13: 9788842098829

Bari, 2012; ril., pp. 343, ill., cm 15x21,5. (Storia e Società).

AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo uno disponibile

  • Autori: Roberto Umberto
  • Soggetti: Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Saggi e Studi sull'antichità, Saggi Storici
  • Anno: 2012
  • Dimensioni: 15x21,5 cm
  • Spessore: 23 cm
  • Peso: 1 Kg

"Il 18 luglio del 386, al primo assalto dei Galli, l'esercito romano sbandò. L'ala sinistra venne respinta nel fiume dai Galli. In preda al panico, in una gigantesca rotta, molti affogarono, altri caddero schiacciati dai compagni in fuga. Alla vista del cedimento, l'ala destra si ritirò sulle colline. Parte delle truppe ripiegò verso Veio; un gruppo di uomini raggiunse rapidamente Roma e si chiuse nella rocca sul Campidoglio. Tanto terribile fu la catastrofe che la comunità ne conservò per i secoli la memoria. Nel calendario romano il 18 luglio divenne un giorno "nefastus", un giorno di dolore e commemorazione. Le sofferenze e le umiliazioni si impressero nella loro memoria per sempre. Il sacco fu uno shock collettivo che segnò la comunità per i secoli. "Metus Gallicus": il terrore per le orde galliche, sempre pronte a schiacciare Roma e i suoi abitanti, penetrò nella coscienza più profonda dei Romani e riemerse nei momenti di maggiore emergenza": non fu infatti l'ultimo dei saccheggi subiti da Roma. La paura e l'angoscia diventano parte fondante dell'identità cittadina, di quell'urbe splendida e ricca eppure così fragile. Nonostante il terrore, ogni saccheggio diventa anche motivo di ricostruzione e di orgoglio, di rivincita sulle altre popolazioni. Fino all'attacco alla città del 1527 che rappresenta una frattura epocale nella sua storia. I Lanzichenecchi colpiscono, oltre alle persone, i simboli della potenza romana e i tesori della Chiesa e il loro odio distrugge perfino il mito di Roma eterna...

Attendi...