Arte e architettura

Giuliano Giuliani. Sculture e opere su carta 1991-2007. Ediz. illustrata

Giuliano Giuliani. Sculture e opere su carta 1991-2007. Ediz. illustrata

€ 19,46 € 20,00 3%
€ 2,90

Codice: 861451716743943

Editore: Lubrina Editore

Categoria: Altre Arti - Artigianato

Ean13: 9788877663634

Bergamo, GALLERIA CERIBELLI, 27 ottobre - 8 dicembre 2007. A cura di Fabrizio D'Amico. Apparati: Paola Bonani. Bergamo, 2007; br., pp. 112, 23 ill. b/n, 20 ill. col., cm 18,5x22,8. (Arte moderna e contemporanea).

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Solo un prodotto disponibile

  • Autori: Bonani Paola D'Amico Fabrizio
  • Soggetti: Arti Grafiche (Disegno, Incisione, Miniatura), Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Scultura e Arti Decorative - Monografie
  • Dimensioni: 18,5x22,8 cm
  • Spessore: 9 cm

"... dirimente è poi nel caso di Giuliani, qui e altrove, la partenza dal travertino, che egli ha nel tempo eletto a suo materiale esclusivo: dalle sue lacune improvvise, dalle sue ferite ed erosioni impreventivabili, che il lento lavoro di scavo cui la pietra è sottoposta evidenzia; lacune e ferite che saranno qui sanate, con gesto riparatore, dal gesso e dalle resine, e là invece lasciate in vista. Sono, quegli squarci inattesi e quasi crudeli che un processo imperfetto di sedimentazione secolare impongono al materiale, la sorpresa e il rischio di Giuliani: rischio consapevolmente assunto, e garante di un'opera da cui ogni orgoglio classicistico è bandito; e in cui precipita, come in una voragine ansiosa, ogni meta di perfezione. L'irrecuperabilità di una intatta perfezione di forma prende figura nell'opera di Giuliani attraverso quelle ferite, attraverso quei colpi reiterati inferti all'integrità della pietra (e identicamente nella carta: giacché negli splendidi e pochissimo noti suoi disegni si riproduce proprio quel lungo e ossessivo lavoro di scavo, teso alla ricerca di una smarrita integrità, alterno fra ferita e suturazione, che è alla base del lavoro scultoreo)." (Fabrizio D'Amico).

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...