Arte e architettura

Max Klinger

€ 12,47 € 70,00 82%
€ 2,90

Codice: 1943533996961

Editore: Ferrara Arte

Categoria: Arte e architettura

Ferrara, Palazzo dei Diamanti, 17 marzo - 16 giugno 1996. A cura di Beatrice Buscaroli Fabbri. Ferrara, 1996; br., pp. 348, ill. b/n, 50 tavv. col. num. n.t., cm 23x30.

  AGGIUNGI AL CARRELLO

Disponibile

  • Soggetti: Oreficeria (Argento, Gemme, Gioielli, Oro), Pittura e Disegno - Monografie
  • Dimensioni: 23X30 cm
  • Spessore: 23 cm
  • Peso: 2 Kg

Perché una mostra di Max Klinger e perché al Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Queste sono le domande alle quali mi sembra necessario rispondere, prima di rivolgere un ringraziamento a chi l'ha resa possibile o l'ha arricchita di valenze inusuali e preziose. In questi anni in cui in Italia si è riscoperto di tutto, la mancata attenzione per un artista del livello di Klinger - straordinario incisore, scultore di grande forza e originalità, meno grande come pittore, ma capace anche in questo campo di esiti talvolta notevoli - mi è parsa una lacuna grave. E ciò a maggior ragione perché una parte della sua vita e della sua opera hanno avuto per teatro e per fonte d'ispirazione l'Italia. Ma c'è anche una seconda ragione. Riguarda l'influenza che la visionarietà, l'oniricità e il magico quotidiano, che rappresentano i tratti salienti e originali della migliore arte di Klinger, quelli che gli garantiscono una pagina a sé nel gran libro della storia dell'arte, hanno avuto sull'avanguardia pittorica più importante dell'Italia del nostro secolo: la Pittura Metafisica. Furono Klinger e Böcklin, infatti, a far compiere a De Chirico il primo passo verso un territorio inesplorato, popolato di apparizioni oniriche, visionarie, magiche, mitologiche. Più ancorate alla realtà quotidiana, in Böcklin; più libere e fantastiche, negli esiti più avanzati dell'arte di Klinger. Senza quel primo decisivo passo, non so se sarebbe venuto quello successivo, di cui De Chirico prima e più di ogni altro fu capace: trasferire quelle visioni fuori dalla realtà, dal tempo, dalla storia e dal mito, che pure all'inizio le avevano ispirate. Un passo che De Chirico ha compiuto prima del '16, prima cioè degli anni del suo soggiorno ferrarese, ma che nella 'città del Worbas' ha affinato e consolidato, nutrendosi anche delle atmosfere e delle sembianze di un luogo che fu lui stesso a definire metafisico. Ecco perché una mostra di Klinger al Palazzo dei Diamanti ha più senso che altrove, soprattutto se si riuscirà a darle un seguito, se si potrà cioè proseguire nell'esplorazione della cultura figurativa metafisica e delle sue radici. dalla Presentazione di Andrea Buzzoni Sommario Presentazioni Roberto Soffritti - Sindaco di Ferrara - Paolo Siconolfi XI Presidente della Provincia di Ferrara XIII Claudio Abbado - Presidente Onorario di Ferrara Musica XV Andrea Buzzoni - Direttore Civiche Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara XVII Herwig Guratzsch - Direttore del Museum der bildenden Knste di Lipsia XIX Joachim Burmeister - Direttore di Villa Romana, Firenze Saggi e schede 3 Max Klinger, l'Italia e l'altrove dei sogni e dei suoni Beatrice Buscaroli Fabbri 49 Klinger e i "tedeschi-romani" Marisa Volpi 79 Max Klinger pittore e scultore Renate Hartleb 123 Schede dei dipinti e delle sculture Renate Hartleb 137 L'artista figurativo come poeta: la grafica di Max Klinger Andreas Stolzenburg 169 Schede delle incisioni in serie Susanne Petri 257 Schede dei fogli singoli di incisioni Susanne Petri 269 Schede dei disegni Karl-Heinz Mehnert 293 "Tutte le arti sono simili e parlano la stessa lingua..." Max Klinger e la musica Karl-Heinz Mehnert 309 Biografia Dietulf Sander 325 Bibliografia Appendice documentaria 329 "Pittura e disegno" Max Klinger

Potrebbero interessarti anche...
Attendi...